Archivi del mese: gennaio 2010

Festa della Luce – dicembre 2009

100_7089100_7082100_7074100_7088100_7083

Perché io genitore italiano mando i miei figli nel ghetto

da Repubblica — 21 gennaio 2010   pagina 1   sezione: TORINO

In questi giorni si discute molto della circolare del ministro Gelmini, che imporrebbe alle scuole di avere al massimo il 30% di stranieri. Pochi sanno, o fanno finta di non capire, che la circolare fa riferimentoa individui nati all’estero, che non parlano la lingua italiana. Dunque una minoranza. La circolare è soltanto un provvedimento demagogico che fomenta l’intolleranza verso il diverso. Io sono presidente del Consiglio d’istituto dell’Istituto comprensivo Manzoni, scuola storica del quartiere San Salvario. Mia moglie ed io siamo italiani (da generazioni addirittura)e abbiamo tre figli, di cui due iscritti alla Manzoni, il più piccolo all’asilo nido Bay, entrambe scuole di quartiere. Abbiamo girovagato tra riunioni, scuole aperte e presentazioni, abbiamo fatto colloqui con i dirigenti scolastici e ci siamo presi la briga di contattare gli altri genitori. Dopo un’attenta valutazione di ciò che ci veniva offerto abbiamo deciso per la Manzoni. Questa nostra scelta ci vede assolutamente soddisfatti, tanto che per il secondo figlio siamo andati a colpo sicuro. LA MANZONI è frequentata da un 60% di bambini italiani e un 40 % di bambini nati da genitori non italiani. Tra i bambini nati da genitori stranieri, coloro che non parlano italiano sono 2-3 casi all’anno, tutti gli altri arrivano da un’esperienza che permette loro di inserirsi nelle classi allo stesso livello dei bambini italiani, con una competenza linguistica analoga. È indubbio che per la legge non basta che un bambino sia nato in Italia, frequenti le scuole italiane e parli italiano per essere considerato italiano, ma posso assicurare che per i bambini (italiani) queste differenze non esistono. Questa circolare, pur non risolvendo il problema dell’inserimento dei bambini che non parlano italiano, per cui sarebbero stati sufficienti li laboratori di intercultura (eliminati a causa dei tagli del ministro dell’istruzione), ha rinfocolato sentimenti di razzismo. Da genitore italiano con figli in età scolare mi sento di sostenere che frequentare bambini di altre nazionalità e averli come compagni di scuola è senza ombra di dubbio una ricchezza. I politici, che propongonoi patentini di lingua italiana, rivelano una perfetta ignoranza del mondo della scuola, alimentano un sentimento di ostilità nei confronti di persone che, non sono nate in Italia, ma contribuiscono all’economia, lavorano e hanno avuto la capacità di integrarsie rendere la nostra società più ricca. La scuola italiana, non solo quella di San Salvario, ha bisogno di risorse economiche e professionali, ha bisogno di una rete esterna che ampli l’offerta culturale che la scuola può dare. Chi frequenta la Manzoni sa che lo straniero è straniero solo per la legge. La battaglia che bisogna portare avanti è quella per la cittadinanza. In questo i bambini hanno molto da insegnare a noi adulti. Quando, dopo il primo giorno di scuola del mio secondogenito, gli ho chiesto quanti bambini stranieri ci fossero in classe con lui, molto semplicemente mi ha risposto: «Cosa significa? Parlano tutti italiano come me». Lì ho capito che quelli che per me erano stranieri per lui erano semplicemente compagni di classe. Touché.

ERNESTO FILONI*

*Presidente consiglio d’istituto IC Manzoni Torino

Costruiamo un mondo a colori 23 gennaio 2010

“Costruiamo un mondo a colori”, che cosa vi fa venire in mente….?
..noi abbiamo dato un’interpretazione e abbiamo deciso di raccontarvela a modo nostro…

Sabato 23 Gennaio ORE 17 presso Biblioteca Shahrazad,
happening teatrale
Manzoni.People
seguirà aperitivo…

L’evento proposto e sostenuto da LIBRI e CULTURE è stato realizzato grazie al contributo di Alma Teatro, Associazione Nessuno, Movimento tutti per San Salvario, Manzoni.People.
Vi aspettiamo….
Manzoni.People

SENZA MONETA 10 GENNAIO 2010

Domenica 10 gennaio, in piazza Madama ci sarà il mercatino di “Senza moneta” dove potremo scambiare tutto quel che vogliamo riciclare, dai regali di Natale ai vecchi oggetti abbandonati in cantina, soffitta o qualche angolo delle nostre case…

L’organizzazione di “Senza moneta” ha dedicato un banchetto a Manzoni.People, pertanto se vorremo partecipare al mercatino con i nostri bambini, non abbiamo che da raccogliere tutti i nostri oggetti da scambiare/regalare e portarli al banchetto di Manzoni.People, dovrebbe essere vicino a quello dei Gas San Salvario.

Nel banchetto ci sarà anche del materiale informativo sul nostro comitato, sarà un’occasione per “pubblicizzare” un po’ la nostra scuola.

Il banchetto sarà in autogestione, nell’ottica di spontaneità della partecipazione, non ci saranno persone preposte al presidio, chiunque della scuola Manzoni potrà fruire del banchetto.

Il mercatino si svolgerà dalle 11 alle 18, con alcuni eventi piacevoli organizzati dalle varie associazioni, come ad esempio le Danze alle 12 o la merenda alle 16, organizzate dai Gas, non voglio anticiparVi nulla, per saperne di più sull’evento consultate il sito: http://www.manamana.it/

Ci vediamo domenica….sotto la tettoia di Piazza Madama.